Monastra_00

Sabato 28 febbraio, a Chiavari, ha aperto i battenti una mostra fotografica (ospitata nei locali della Libreria Pane e Vino di Via Rivarola 53), che ha un merito encomiabile: restituire attualità alle parole di Pier Paolo Pasolini quando scelse il profilo della città di Orte come sua opera d’arte prediletta in occasione di una trasmissione del 1974.

“La città di Orte nella sua perfezione stilistica, cioè come forma perfetta, assoluta”. “Un’umile cosa” che “non si può nemmeno confrontare con certe opere d’arte. Eppure io penso che questa stradina da niente sia da difendere con lo stesso accanimento con cui si difende l’opera d’arte di un grande autore”. “Nessuno si rende conto che quello che va difeso è questo passato anonimo, questo passato senza nome, questo passato popolare”.

Parole che restituiscono, in modo perfetto e assoluto, anche il senso della mostra di cui vado dicendo, quella sui corrugati dell’Aveto  immortalati da Nino Monastra, fotografo che vive e lavora da più di quarant’anni fra Svezia e Italia.

Aveto, torrente inquieto, arido, riposato, scorre gentile a volte,/ crea conflitti turbolenti a valle, impietosi, corrugati al levante./ Con i fratelli forma un paesaggio altro, avvolge, umido nel mio ginocchio!/ Inquieto, irrisolto, affannosamente cerca il mare, affascina nel mio futuro Aprile. Nino Monastra

“Amo le composizioni spontanee”, dice Monastra spiegando la sua singolare passione per le lamiere che incorniciano i locali agricoli della val d’Aveto e che raccontano visivamente la montagna in tutta la sua durezza, asperità, irriducibilità ai tentativi edulcoranti dell’industria turistica. L’atmosfera di solitudine e nebbia in cui Monastra colloca questa “materia bellisima” porta in primo piano il linguaggio segreto del tempo, che attraverso la ruggine porge allo sguardo il suo codice immutabile.

A impreziosire l’esposizione la location: la sala posteriore della libreria Pane e Vino rilevata da Valentino Castello nel 2008. Una libreria indipendente che alle novità editoriali associa un folto numero di libri d’occasione e dove l’appassionato di storia locale e militare può trovare un catalogo di assoluto rispetto.

La mostra è visitabile sino al 30 marzo 2015, dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora ti consigliamo:

Si ringrazia per le foto Vera Cattoni Arte e Grafica

Natale e Capodanno a Rapallo, idee gourmet

Natale e Capodanno a Rapallo, idee gourmet

C'è chi per le feste di Natale programma ogni aspetto con largo anticipo e chi, invece, continua a v[...]
A Natale regala un cesto di bontà

A Natale regala un cesto di bontà

Natale si avvicina e fare i regali può essere molto complicato, soprattutto se si opta per scelte mi[...]
Sapori d'autunno: il risotto ai porcini essiccati

Sapori d'autunno: il risotto ai porcini essiccati

Fra le tecniche di conservazione, l'essiccazione è certamente quella più raffinata. Permette infatti[...]
Chiavari, in occasione della 10 km dimostrazione di Fitwalking

Chiavari, in occasione della 10 km dimostrazione di Fitwalking

Camminare è il modo più semplice, e alla portata di tutti, per mantenersi in forma e in salute: poch[...]
Chiavari, la città si prepara ad accogliere i runner

Chiavari, la città si prepara ad accogliere i runner

Prosegue la marcia di avvicinamento verso la 4° edizione della 10 km di Chiavari, l'evento organizza[...]
10 Km di Chiavari, al via la macchina organizzativa

10 Km di Chiavari, al via la macchina organizzativa

E fanno quattro. Tante sono le 10 km che, dal 2015, concludono idealmente il percorso organizzativo [...]
Perla e Coop Liguria insieme nel segno della qualità

Perla e Coop Liguria insieme nel segno della qualità

Prosegue con successo l'adesione di Perla all'iniziativa di Coop Liguria “Prodotti in Liguria.Il buo[...]
Deep Blue di Paolo Treni è il nuovo "gioiello" del Museo del Parco

Deep Blue di Paolo Treni è il nuovo "gioiello" del Museo del Parco

Il Museo del Parco di Portofino – Centro Internazionale di scultura all'aperto si arricchisce di una[...]
Piatti da riscoprire: i testaieu col pesto

Piatti da riscoprire: i testaieu col pesto

Sta arrivando l’autunno, con il suo fagotto di sapori che affondano le radici in epoche remote, le c[...]

santa magazine

Categorie