C’è un Tigullio che in questo momento di crisi non si limita a fare coraggiosamente impresa, ma si batte per il cambiamento del Paese e per la soppressione dei suoi anacronismi burocratici affinché il fare impresa continui ad essere possibile anche per le generazioni a venire.

Quali sono questi anacronismi? Un esempio su tutti: le casse edili, un vetusto  istituto a cui un’ associazione nazionale con sede a Santa Margherita Ligure dice ora “NO”. A coordinarla è Fabrizio Martin di Kris Costruzioni. In pochi giorni l’associazione sta moltiplicando le adesioni e riscuotendo numerosi attestati di stima.

“A differenza di quanto avveniva nell’immediato dopoguerra , quando la saltuarietà del lavoro e il continuo cambio di datore mettevano a rischio ferie e mensilità aggiuntive – spiega l’associazione “No cassa Edile” sul suo sito – il lavoratore edile non vive situazioni di particolare diversità rispetto a un altro. Quindi oltre ad essere dispersivo effettuare gli accantonamenti presso ciascuna cassa edile (sono 120, ndr) , il lavoratore edile è discriminato rispetto a tutti gli altri lavoratori, che vedono i pagamenti rimessi direttamente dal datore di lavoro”.

“Con l’eliminazione delle Casse Edili – precisa l’associazione – le imprese non guadagnerebbero nulla in termini economici, ma avrebbero un vantaggio in termini burocratici non dovendo più iscriversi a ciascuna Cassa Edile per ogni provincia nella quale lavorano, e a non fare ogni mese più denunce per lo stesso lavoratore a seconda della provincia dove ha lavorato”.

I veri vantaggi, però, sarebbero per i lavoratori:  “Con l’eliminazione delle Casse Edili i lavoratori riceverebbe mediamente in busta paga, mese per mese, circa € 400, di cui circa € 250 che avrebbe ricevuto in ogni caso (accantonamenti), e circa € 150 come incremento di stipendio vero e proprio”.

Insomma, altro che gli 80 euro di Renzi & C., urlano a pieni polmoni gli imprenditori di “NO cassa Edile”.

Ma la battaglia si annuncia dura, anzi durissima. Perché molti hanno ragione di opporsi a questa soppressione. “I 120 Presidenti, i 120 Vicepresidente, i circa 2000 componenti dei comitati di gestione, i circa 360 componenti dei collegi sindacali, le associazioni di categoria ed i sindacati che fanno pagare un’aliquota del 9% come quota di adesione contrattuale anche ad imprese ed operai non iscritti”.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora non perderti:

A Portofino la ricerca può contare su veri "amici"

A Portofino la ricerca può contare su veri "amici"

Sarà lo storico Carillon di Paraggi a ospitare, quest'anno, l'ormai tradizionale serata per la ricer[...]
Mezza Maratona di Chiavari, al via la quarta edizione

Mezza Maratona di Chiavari, al via la quarta edizione

Ancora poche ore dividono Chiavari dalla quarta edizione della Mezza Maratona, prevista Sabato 1[...]
Santa Magazine, online il numero 7

Santa Magazine, online il numero 7

Un lungo viaggio dal passato al presente. Dal circuito del Tigullio, dove nacque il mito di Tazi[...]
Funghi, anima selvatica di Liguria

Funghi, anima selvatica di Liguria

La cucina ligure è una cucina discreta, quasi esoterica, in cui gli ingredienti che decidono i sapor[...]
Riapre La Mela Secca, l'altro volto della cucina di Riviera

Riapre La Mela Secca, l'altro volto della cucina di Riviera

Molti dei suoi clienti più affezionati erano già in allarme perché il 2018 sembrava poter essere un [...]
Torna la Mezza di Chiavari, fra conferme e novità

Torna la Mezza di Chiavari, fra conferme e novità

Al debutto la velocissima 7 k. Una formula consolidata, una macchina organizzativa che ha imparat[...]

santa magazine

Categorie

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:



 

clum

verabanner