C’è un Tigullio che in questo momento di crisi non si limita a fare coraggiosamente impresa, ma si batte per il cambiamento del Paese e per la soppressione dei suoi anacronismi burocratici affinché il fare impresa continui ad essere possibile anche per le generazioni a venire.

Quali sono questi anacronismi? Un esempio su tutti: le casse edili, un vetusto  istituto a cui un’ associazione nazionale con sede a Santa Margherita Ligure dice ora “NO”. A coordinarla è Fabrizio Martin di Kris Costruzioni. In pochi giorni l’associazione sta moltiplicando le adesioni e riscuotendo numerosi attestati di stima.

“A differenza di quanto avveniva nell’immediato dopoguerra , quando la saltuarietà del lavoro e il continuo cambio di datore mettevano a rischio ferie e mensilità aggiuntive – spiega l’associazione “No cassa Edile” sul suo sito – il lavoratore edile non vive situazioni di particolare diversità rispetto a un altro. Quindi oltre ad essere dispersivo effettuare gli accantonamenti presso ciascuna cassa edile (sono 120, ndr) , il lavoratore edile è discriminato rispetto a tutti gli altri lavoratori, che vedono i pagamenti rimessi direttamente dal datore di lavoro”.

“Con l’eliminazione delle Casse Edili – precisa l’associazione – le imprese non guadagnerebbero nulla in termini economici, ma avrebbero un vantaggio in termini burocratici non dovendo più iscriversi a ciascuna Cassa Edile per ogni provincia nella quale lavorano, e a non fare ogni mese più denunce per lo stesso lavoratore a seconda della provincia dove ha lavorato”.

I veri vantaggi, però, sarebbero per i lavoratori:  “Con l’eliminazione delle Casse Edili i lavoratori riceverebbe mediamente in busta paga, mese per mese, circa € 400, di cui circa € 250 che avrebbe ricevuto in ogni caso (accantonamenti), e circa € 150 come incremento di stipendio vero e proprio”.

Insomma, altro che gli 80 euro di Renzi & C., urlano a pieni polmoni gli imprenditori di “NO cassa Edile”.

Ma la battaglia si annuncia dura, anzi durissima. Perché molti hanno ragione di opporsi a questa soppressione. “I 120 Presidenti, i 120 Vicepresidente, i circa 2000 componenti dei comitati di gestione, i circa 360 componenti dei collegi sindacali, le associazioni di categoria ed i sindacati che fanno pagare un’aliquota del 9% come quota di adesione contrattuale anche ad imprese ed operai non iscritti”.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora non perderti:

Chiavari, in occasione della 10 km dimostrazione di Fitwalking

Chiavari, in occasione della 10 km dimostrazione di Fitwalking

Camminare è il modo più semplice, e alla portata di tutti, per mantenersi in forma e in salute: poch[...]
Chiavari, la città si prepara ad accogliere i runner

Chiavari, la città si prepara ad accogliere i runner

Prosegue la marcia di avvicinamento verso la 4° edizione della 10 km di Chiavari, l'evento organizza[...]
10 Km di Chiavari, al via la macchina organizzativa

10 Km di Chiavari, al via la macchina organizzativa

E fanno quattro. Tante sono le 10 km che, dal 2015, concludono idealmente il percorso organizzativo [...]
Perla e Coop Liguria insieme nel segno della qualità

Perla e Coop Liguria insieme nel segno della qualità

Prosegue con successo l'adesione di Perla all'iniziativa di Coop Liguria “Prodotti in Liguria.Il buo[...]
Deep Blue di Paolo Treni è il nuovo "gioiello" del Museo del Parco

Deep Blue di Paolo Treni è il nuovo "gioiello" del Museo del Parco

Il Museo del Parco di Portofino – Centro Internazionale di scultura all'aperto si arricchisce di una[...]
Piatti da riscoprire: i testaieu col pesto

Piatti da riscoprire: i testaieu col pesto

Sta arrivando l’autunno, con il suo fagotto di sapori che affondano le radici in epoche remote, le c[...]

santa magazine

Categorie