admin

C’è un’attesa novità nel panorama food & wine di Rapallo. Villa delle Donne, il ristorante dei fratelli Castagnola, apprezzato dai gourmet per alcune reinterpretazioni della nostra tradizione culinaria (su tutti i pansoti al contrario), raddoppia: il 24 luglio ha infatti segnato l’avvio del “Caffè delle Donne”, bar e (a partire da settembre) bistrot sviluppato su due piani e affacciato sulla centralissima Via Mazzini, a pochi passi da Piazza Cavour.

Dalle 7.30 alle 20.00 Lorena e Alessandra saranno liete di proporvi non solo ricche colazioni a base di brioche dolci e salate, torte fatte in casa, panini, insalate e aperitivi, ma anche primizie naturali, prodotti speciali senza glutine, the, tisane e creme al caffè. Da segnalare i vini 958 Santero, cantina che alla qualità della tradizione vitivinicola piemontese ha unito un packaging moderno e innovativo e alcuni dettagli cromatici di grande impatto come il “Blue da Bere”, una linea di bollicine dall’inequivocabile color puffo, ideali anche per risotti e cocktail.

C’è un piccolo segreto, uno dei tanti, che fa di una pasta al pesto una pasta al pesto memorabile: lasciare raffreddare il vassoio prima di servirla, in modo che decrescendo il calore il piatto recuperi il proprio aroma. Sì perché la pasta al pesto è di per sé un piatto tiepido, che all’occorrenza può diventare addirittura freddo. E quale occorrenza migliore della calura estiva?

Ma il bello della pasta fredda o, per meglio dire, dell’insalata di pasta, non finisce qui. Perché usando il pesto genovese come base, si possono creare degli accostamenti davvero vibranti e originali. Il primo ingrediente a cui il pesto si può abbinare è un altro caposaldo della tradizione ligure: l’oliva taggiasca, che a voler forzare l’ortodossia potrebbe essere un ottimo accompagnamento anche alle classiche trenete al pesto con patate e fagiolini. Seguono i pomodorini ciliegini, anche gratinati al forno. I pinoli, che già fanno parte della salsa ma che possono essere anche sparpagliati per il nostro piatto, meglio se leggermente tostati. Le mandorle, tritate grossolanamente. La rucola, che può far da “letto”. La mozzarella tagliata a cubetti, o in alternativa l’emmenthal, o ancora il tofu, magari nella variante al basilico.

Persino i cipollotti sottolio possono essere un’ottima idea, ma queste sono solo tracce di una composizione che lascia ampio spazio ai gusti personali.

Ricordiamo che nell’insalata di pasta è buona regola scolare la pasta al dente, sciacquarla in acqua fredda perché la cottura si interrompa completamente, e mantenerla viscosa con un filo di olio di oliva.

Per chi non ama la pasta o vuole sperimentare gusti diversi, vi consigliamo di provare il farro, con cui il pesto si sposa egregiamente. La preparazione si allunga di qualche minuto, ma ne sarà valsa la pena.

Leggi anche:

“Il se e il ma delle investigazioni” di Fabio Federici e Alessandro Meluzzi; “La luce dell’impero” di Marco Buticchi; Chiaroscuro di Tosca Brizio; “Operazione sale e pepe” di Roberto Centazzo; “L’estate degli inganni” di Roberto Perrone e “Il settimo peccato”, l’ultimo best seller di Carlo A. Martigli.

Sono questi i titoli protagonisti di “Portofinoincontrautori – Premio letterario Porto Delphini”, la Kermesse letteraria firmata dall’Associazione benefica Amici di Portofino Onlus.

L’evento, il cui ricavato sarà devoluto all’ANFFAS di Santa Margherita, sarà a ingresso libero e avrà luogo al Carillon di Paraggi e Portofino sabato 14 luglio, con inizio alle ore 19.00.

La presentazione è affidata a un volto noto della TV, Francesco Vecchi, mentre moderatrice dei dibattiti sarà Serenella Perasso.

Ospite della serata  il criminologo Alessandro Meluzzi.

A concludere, un ricco – e come sempre gradito – aperitivo.

Paola non lascia nulla al caso. Anche la fragranza diffusa all’interno della sua boutique è accuratamente scelta. Leggera, delicata, ma destinata a rimanere impressa nella memoria olfattiva delle clienti, che ne fanno una larga richiesta. E, per chi non lo sapesse, anche “Peperosa” è un profumo.

“Sì, è il mio profumo, qualcosa che fa parte di me”, spiega questa ragazza originaria di Pavia, che ha scelto proprio Peperosa come nome del suo negozio, una delle più gradite e apprezzate “new entry” del tessuto commerciale di Santa Margherita. Siamo nel quartiere di Corte, all’inizio di Via Maragliano.

A pochi passi imperversa il passeggio, i turisti fanno la spola fra la passeggiata a mare, le gelaterie e i negozi che si accavallano lungo il water front cittadino. Deviando la rotta di soli pochi metri si respira un clima già diverso: qui “Santa” recupera quella sua veste un po’ ovattata e quella sua vocazione al relax che rendono piacevolissimo fare un po’ di shopping fra firme che scommettono su un’eleganza leggera e ricca di sfumature.

Parliamo di “Souvenir”, “Mimimuà”, “Masquenada”, “Ninì”, marchi di tendenza per una donna solare e ricca di personalità.

Come sarà l’estate 2018 per gli amanti del fashion? “Molto colorata, fiorita, gradevolmente leziosa – dice Paola – e indubbiamente frizzante. Sarà un’estate che ricorderà un po’ lo stile hippy, forse non a caso visti i 50 anni dal ’68”. Alcuni esempi? “I caftani mimimuà, o i coloratissimi pantapalazzi, stretti in vita e larghi sulle cosce, proposti da Masquenada. Trovo molto caratteristici i jeans maryley, lunghi fino alle caviglie, spaziosi, comodi, con borchie sugli orli. La parola d’ordine è comfort”.

Venendo ai complementi, vince la versatilità. “Come quella del “foulard gioiello”, rigorosamente artigianale, rifinito con elementi di bigiotteria e utilizzabile sia come cintura che a braccio o a collo. Quindi le ciabatte peluche, un prodotto di vera tendenza anch’esso ingioiellato. Autentici pezzi unici. Infine, le borse “ninì”, coloratissime e superleggere, tutte in gomma”.

“Ma il pezzo più bello è quello che uno sceglie personalmente – conclude Paola – Invito sempre le mie clienti a esprimere una propria personalità. A distinguersi utilizzando le proposte alla moda senza inseguirla a tutti i costi. Privilegiando sempre, però, uno Stile…Speziato”.

Segui Peperosa su Facebook –>


Peperosa Boutique
Via Maragliano 6 – Santa Margherita Ligure
Orari: dalle 10.00 alle 13 e dalle 16.00 alle 19.30 (chiuso il martedì)

Sarà lo storico Carillon di Paraggi a ospitare, quest’anno, l’ormai tradizionale serata per la ricerca che l’Associazione Amici di Portofino Onlus organizza a favore dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro e della Fondazione IEO – CCM. Presentato da due volti noti della TV, Francesca Pozzi e Francesco Vecchi (entrambi nella foto in alto), l’evento – fissato il 6 luglio – giunge alla 6° edizione e segna un crocevia nell’attività benefica della società.

Nel corso dell’inverno, a seguito della prematura scomparsa del compianto Beniamino Migliore, presidente dell’Associazione, le redini del sodalizio sono state assunte da Antonio Vantaggiato, già Comandante dell’Ufficio Locale Marittimo di Portofino.

“Gli Amici di Portofino”, fin dai loro albori, hanno deciso di sostenere la ricerca contro il cancro ma anche la vita delle comunità di Santa Margherita e Portofino, senza rinunciare ad aiutare i bambini meno fortunati attraverso la formula dell’adozione a distanza. A supportarli, un vasto elenco di testimonial composto da personaggi dell’imprenditoria, dello spettacolo, dello sport e della cultura, uniti fra loro dal nome di Portofino.

Per partecipare alla Serata per la Ricerca, al prezzo di 110 euro per i soci e 130 per gli ospiti, è sufficiente prenotarsi al numero 389 21 17 159 o all’indirizzo mail amiciportofinoonlus@gmail.com. Per chi lo desidera, è disponibile anche il servizio navetta da Portofino.

Dopo questo primo ritrovo, un nuovo appuntamento è già stato fissato ancora al Carillon in data 14 luglio. Parliamo di Portofinoincontraautori, evento culturale-letterario indetto a favore di ANFFAS. Per maggiori informazioni visitate il sito web di riferimento è www.amiciportofinoonlus.org.

santa magazine

Categorie

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:



 

clum

verabanner