Chiavari

Al via il laboratorio radiofonico per disabili: “Racconteranno il nostro territorio”

Prenderà il via giovedì, 21 ottobre, il laboratorio radiofonico proposto dal progetto A.R.T.E. finalizzato a raccontare il territorio visto con gli occhi dei protagonisti. Il progetto realizzato nell’ambito del bando “Abilità al Plurale 2.0” della Regione Liguria, si rivolge a persone adulte con disabilità a partire dai 16 anni, residenti nella provincia di Genova e vuole offrire loro la possibilità di partecipare alla vita culturale del proprio territorio. In quest’ottica il progetto, di cui la cooperativa Il sentiero di Arianna è capofila, da qualche tempo ormai sta mettendo a disposizione risorse economiche ed umane per accompagnare le persone con disabilità a visite guidate, eventi artistici, mostre, musei e per realizzare laboratori, il tutto in linea con l’acronimo del proprio nome: Autonomia, Relazioni, Territorio, Espressività.

Inserito a pieno titolo in questa cornice è il laboratorio radiofonico, che verrà realizzato in collaborazione con la Fondazione CIF e che porterà alla realizzazione di podcast audio: “In cui i partecipanti racconteranno il territorio declinandolo in una serie di itinerari personalizzati che aggreghino l’esperienza e la percezione individuale dei luoghi unitamente all’offerta culturale che i luoghi portano con sé – come spiegano Caterina Marrone e Rocco Spigno, rispettivamente responsabile del progetto ARTE la prima e referente della Fondazione CIF il secondo – Parallelamente verranno create mappe interattive utili a rendere graficamente l’idea del percorso proposto, che in seguito saranno pubblicate per essere fruite da chiunque lo desideri”.

Il laboratorio, aperto a nove persone, sarà strutturato in 10 incontri, che si svolgeranno con cadenza settimanale (giovedì dalle 14.30 alle 16.30) presso la sala della Fondazione Cif Formazione, in via Rivarola 17 a Chiavari.

Così aggiunge ancora Rocco Spigno della Fondazione Cif: “Dopo aver scelto insieme gli itinerari del Tigullio che maggiormente affascinano i partecipanti, con l’aiuto di Google Map e Google Earth, verranno individuati i luoghi culturali del nostro territorio ma anche i riferimenti più strettamente legati alla quotidianità degli iscritti (piazze di ritrovo, luoghi di interesse). Questi diventeranno i cardini di mappe interattive e multimediali. Le voci delle persone racconteranno i diversi percorsi culturali delle nostre città arricchendoli con suggestioni ed esperienze personali. Le mappe interattive culturali verranno pubblicate su internet e sulla pagina Facebook del Progetto Arte per essere fruite da chiunque lo desideri”.

Fonte: Ufficio Stampa Progetto A.r.t.e