mareggiata1

Da tempo il Tigullio va a caccia di nuove forme di turismo, spesso prendendo in prestito altrui strategie con risultati poco entusiasmanti. Né il turismo artistico né quello gastronomico sembrano riuscire a creare alternative al tradizionale turismo balneare in un territorio privo anche di sufficienti spazi espositivi e congressuali per diversificare l’incoming puntando su fiere o workshop. Tutto inutile, dunque? Forse no. Perché esiste almeno una moderna forma di turismo che nella Riviera di Levante trova la sua patria d’elezione.




Parliamo del Wave Watching, l’osservazione delle onde, spesso indotta dalla passione verso la fotografia, un hobby che nell’era del digitale sta vivendo la propria età dell’oro. I sempre più numerosi amanti di questa particolare “caccia” sanno da tempo che il luogo ideale per catturare le “prede” migliori deve combinare fattori meteo-marini responsabili della formazione delle onde, fattori costieri da cui dipende la combinazione dell’impatto e della varietà del moto ondoso sotto costa, e fattori di fruibilità.

Si, perché il wave watching richiede anche punti da cui osservare le onde, siti panoramici che sappiamo bene essere molto numerosi sulle nostre coste, già avvantaggiate dall’esposizione al Libeccio e da una spiccata varietà di paesaggi costieri: spiagge, scogliere, porti, moli e baie si alternano senza soluzione di continuità regalando all’occhio varianti sempre diverse dello stesso spettacolo.

L’esito di questa fortunata combinazione di fattori non è solo teoria, ma anche un libro fotografico di grande successo, uscito nel 2011 e riproposto ora in una seconda edizione aggiornata: Wave Watching, lo spettacolo delle mareggiate in Liguria, edito da Hoepli e realizzato da Stefano Gallino, Alessandro Benedetti, Luca Onorato.

Il volume testimonia non solo quanto il mare sia fondamentale nel definire l’identità ligure anche al di fuori dei tradizionali modi di fruizione, ma si pone come guida autorevole per tutti i Wave Watchers grazie alla catalogazione di trenta località fra Ponente e Levante: da ognuna di esse si può godere di tutta la sublime meraviglia di una mareggiata in totale sicurezza.

Vuoi maggiori informazioni sul libro? Clicca qui

10 km di Chiavari, via al countdown

10 km di Chiavari, via al countdown

Vi siete divertiti durante la Mezza Maratona di Chiavari di quest'estate? Se la risposta è sì, abbia[...]
Rapallo, grand tour di sapori in un solo menù

Rapallo, grand tour di sapori in un solo menù

Un grand tour gastronomico, un viaggio alla scoperta di alcune gemme della cucina italiana che muove[...]
Pesto, da "Santa" si alza una voce: “Toti convochi un tavolo di lavoro”.

Pesto, da "Santa" si alza una voce: “Toti convochi un tavolo di lavoro”.

“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pest[...]
Cinque Terre DOC, quando il vino è sinonimo di eroismo

Cinque Terre DOC, quando il vino è sinonimo di eroismo

E’ il fiore all’occhiello delle Cinque Terre, dove la millenaria cultura della vite è stato uno degl[...]
Pesto, con un testimonial così la popolarità spicca il volo

Pesto, con un testimonial così la popolarità spicca il volo

Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d'a[...]
Così non li avete mai visti: i fuochi di Recco ammirati dal mare

Così non li avete mai visti: i fuochi di Recco ammirati dal mare

Ci siamo! E’ scattato il countdown che ci porterà, in tempo zero, al 7 e 8 settembre, quando Recco o[...]

santa magazine

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:




clum

verabanner