Trasformare i sapori tipici dell’entroterra in un’esperienza a tutto tondo. Da ripetere e approfondire grazie ad apposite card fidelity. Nasce con questi obiettivi “Gusto Card-Itinerari del Sapore”, la nuova iniziativa di Una Montagna di Accoglienza- Consorzio di Ospitalità diffusa, rete di soggetti pubblici ma soprattutto privati sorta per creare un’offerta turistica integrata nelle valli dell’Aveto, Graveglia, Sturla.

25 luglio, 1 e 22 agosto, 5 e 26 settembre sono le 5 date prescelte per la prima edizione degli itinerari del sapore in Val Graveglia: due i percorsi individuati, che si alterneranno in queste 5 occasioni per mettere in mostra produzioni agro-alimentari e ricette tradizionali attraverso visite in azienda, degustazioni e golose soste in agriturismo. Partecipando ad uno degli itinerari si riceverà in omaggio la Gustocard, una carta che dà diritto a promozioni e sconti su ristorazione, acquisto di prodotti locali, accessi a musei ed escursioni presso le strutture convenzionate del territorio, sino al 31 ottobre.

L’iniziativa apre l’entroterra a inedite strategie di marketing che coincidono con il ritorno di molti giovani alle radici dei loro padri. La differenza, sostanziale, è che questi ragazzi portano in dote al territorio nuove conoscenze digitali e migliori competenze relazionali, prima di tutte la capacità di fare squadra (nel Consorzio si lavora per gruppi tematici) per progettare un moderno turismo slow; un turismo che nelle intenzioni del Consorzio dovrà unire in un’unica esperienza sport, sapori, ecologia, relax, tradizioni.

Un esempio della creatività che si sta sprigionando nelle valli è il progetto di un soggiorno dedicato al wild horse watching, con proposte che abbineranno l’osservazione dei celebri cavalli selvaggi al più classico turismo equestre.

Ma torniamo agli itinerari del sapore. Ecco come si articolerà l’iniziativa:

Itinerario A) 1 agosto-22 agosto – 5 settembre

  1. Partenza dal mercatino della Val graveglia
  2. Pranzo da Chiara Agriturismo (1 agosto)/I due somari (22 agosto) / Ou Grumallu (5 settembre)
  3. Visita al Museo dei Minerali
  4. Visita all’Azienda Agricola Rue de Zerli
  5. Visita alla vigna Ricolla con aperitivo

Itinerario B) 25 luglio – 26 settembre

  1. Partenza dal mercatino della Val Graveglia
  2. Pranzo da Pinin (25 luglio) / Marpea (26 settembre)
  3. Visita ai Vivai Garibaldi e al mulino Gaibadu
  4. Visita alla vigna Ricolla con aperitivo (25 luglio) / Visita al centro storico di Nè e aperitivo presso l’Antica Trattoria del Mosto (26 settembre)

La prenotazione deve essere effettuata entro le ore 12.00 del venerdi precedente la data indicata. Il prezzo è di 25 euro (intero) o di 10 euro (ridotto per bimbi sino a 10 anni). I bambini fino ai 5 anni non pagano.

Per informazioni e prenotazioni:

Consorzio Ospitalità diffusa
www.unamontagnadiaccoglienza.it
info@unamontagnadiaccoglienza.it
tel.334.61.17.354

Per approfondire:

"Mi sembrò che una voce", a Chiavari l'anteprima nazionale dello spettacolo dedicato a Elena Bono

"Mi sembrò che una voce", a Chiavari l'anteprima nazionale dello spettacolo dedicato a Elena Bono

Per la città di Chiavari la riscoperta di una delle sue più illustri concittadine, Elena Bono, è div[...]
Festival della Parola 2018, svelate le prime novità

Festival della Parola 2018, svelate le prime novità

Dal 31 maggio al 3 giugno Chiavari si vestirà da città dell'antica Grecia trasformando le sue piazze[...]
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane al palo

DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane al palo

E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentar[...]
E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

La notizia è che, dopo 17 anni, ritorna il capodanno nella “piazzetta” più famosa d'Italia: a Portof[...]
Santa Magazine, ecco il numero 6

Santa Magazine, ecco il numero 6

56 pagine in carta patinata dove si parla di Santa Margherita Ligure e della Riviera, in italiano e [...]
I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

La tesi più accreditata li vuole ispirati dai mosaici greco-romani che i mercanti genovesi ammiravan[...]

santa magazine

Categorie

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:



 

clum

verabanner