Se vi dico “itosnap”, cosa vi viene in mente? Probabilmente nulla, ma… Provate a leggere la parola al contrario. Si, esatto, il risultato è pansoti, la tipica pasta ripiena genovese sulla cui origine un po’ si battaglia fra leggenda e realtà.

C’è chi dice che siano originari del Golfo Paradiso, chi invece li colloca a Rapallo in virtù di una citazione della Guida Gastronomica d’Italia del 1931. Ed è proprio a Rapallo che i pansoti sono oggi tutelati da una specifica denominazione comunale ed esaltati, è il caso di dire, da alcune geniali divagazioni.

Come, appunto, quella degli “itosnap”, i pansoti al contario (foto sotto) che stanno incuriosendo il pubblico dei gourmet spingendoli a far tappa in un tipico ristorante sulle alture di Rapallo, Villa delle Donne.

 

Qui due fratelli, Paolo e Cesare Castagnola, accolgono i clienti in una splendida cornice di campagna, impreziosita dalla vista aperta sul mare, proponendo loro una selezione di antipasti, di primi e di secondi costruiti intorno a una vera e propria filosofia culinaria certificata dal motto:

La nostra non è pancia, è deformazione professionale!

In cosa consiste la loro visione di cucina? Nelle cotture sottovuoto e a bassa temperatura per esaltare al massimo colori, profumi e sapori delle materie prime; nel sapiente uso della brace per enfatizzare, attraverso la carbonella, sapore e profumi delle carni scelte, del pesce locale e delle verdure di primissima qualità, tratte direttamente dall’orto (foto sotto); nella pasta fresca tirata secondo i dettami della tradizione; nei vini e birre di piccoli produttori nazionali e non, accuratamente selezionati con autentica passione verso il “bere bene”.

Fra i piatti, come anticipato, spopolano gli “itosnap”, i pansoti al contario. Di cosa si tratta, nello specifico? Di originali pansoti ripiegati al contrario e ripieni di noce, formaggio, grana, ricotta, prescinseua e maggiorana su una salsa di bietoline.

Una vera e propria delizia nata da un curioso scambio di ruoli fra salsa e ripieno, che ha dato vita a questo e vero proprio piatto “cult” ormai amatissimo dagli avventori della “Villa”.

Fra le altre proposte, fanno faville il “Tonno del Chianti”, un filetto di manzo cotto a bassa temperatura e bagnato dal tipico vino toscano con insalatina di misticanza e mele; il Gravlax di salmone marinato agli agrumi con macedonia di frutta e verdura baccalà cotto a bassa temperatura; la calamarata (paccheri) di Gragnano con gamberi, bisque di crostacei e crema di melanzane affumicate. Last but not least il consiglio dello chef, che suggerisce di provare assolutamente il baccalà cotto a bassa temperatura (foto sotto). Buon appetito!

Curioso di provare il ristorante Villa delle donne?

+++ Prenota telefonicamente al numero  0185.65.246+++

Il ristorante è in Salita Sant’Agostino 46 a Rapallo

www.villadelledonne.it

Olio extra-vergine, un 2017 ad alta qualità

Olio extra-vergine, un 2017 ad alta qualità

Fragrante e fruttato, con un retrogusto di pinolo o di carciofo crudo. Ideale per insalate, bruschet[...]
10 km di Chiavari, via al countdown

10 km di Chiavari, via al countdown

Vi siete divertiti durante la Mezza Maratona di Chiavari di quest'estate? Se la risposta è sì, abbia[...]
Rapallo, grand tour di sapori in un solo menù

Rapallo, grand tour di sapori in un solo menù

Un grand tour gastronomico, un viaggio alla scoperta di alcune gemme della cucina italiana che muove[...]
Pesto, da "Santa" si alza una voce: “Toti convochi un tavolo di lavoro”.

Pesto, da "Santa" si alza una voce: “Toti convochi un tavolo di lavoro”.

“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pest[...]
Cinque Terre DOC, quando il vino è sinonimo di eroismo

Cinque Terre DOC, quando il vino è sinonimo di eroismo

E’ il fiore all’occhiello delle Cinque Terre, dove la millenaria cultura della vite è stato uno degl[...]
Pesto, con un testimonial così la popolarità spicca il volo

Pesto, con un testimonial così la popolarità spicca il volo

Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d'a[...]

santa magazine

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:




clum

verabanner