Un grand tour gastronomico, un viaggio alla scoperta di alcune gemme della cucina italiana che muove dalla Liguria e alla Liguria ritorna. In Liguria e in particolare a Rapallo. Qui, Cesare e Paolo Castagnola conducono infatti la Villa delle Donne, locale che sta conquistando il cuore dei tigullini e dei tanti ospiti che affollano questi lidi: merito di una vista mozzafiato, aperta sul golfo, dell’apertura 7 su 7, a pranzo e a cena, e di una cucina che in poco più di 1 anno ha convinto centinaia e centinaia di gourmet. Per loro, la Villa delle Donne è un appuntamento fisso. Soprattutto al cambio di stagione, quando il ristorante rivisita il proprio menù tratteggiando un grand tour fra i segreti culinari italiani.

Antipasti: si parte col Vitello Tonnato cotto a bassa temperatura secondo la filosofia del locale, che utilizza questa peculiare tecnica per mantenere intatte le caratteristiche delle materie prime. Si prosegue con le verze ripiene di verdure, le “fish and chips” all’italiana e… una leccornia da provare a tutti i costi: “Prima l’uovo o la carbonara?” (nella foto sotto). Si tratta di una coreografica reinterpretazione del condimento alla carbonara: un uovo impanato su crema di pecorino stagionato e chips di bacon.

Ancora: lo scrigno di cappon magro, la tartare di pesce crudo con i frutti della passione e la tipica giardiniera della casa, figlia dell’orto incastonato dietro la villa, con un’accurata selezione di salumi e la tradizionale focaccetta al formaggio.

Primi piatti: dei Pansoti al contrario, gli “itosnap”, abbiamo già detto in un precedente articolo. Segnaliamo, quindi, le troffie nere con cozze, accompagnate da salsa di pomodorini e da una stuzzicante crema di ceci alla curcuma; gli spaghetti alla chitarra con la famosa colatura di alici di Cetara, impreziositi da un particolarissimo aglio fermentato che assume un caratteristico color bruno e un aroma incredibilmente delicato.

E il pesto? Viene proposto in un piatto dell’estremo levante ligure, i testaroli, mentre il ponente trova spazio nei geniali ravioli di “branda cujiun” (una specie di purea di baccalà e patate lessati, nella foto sotto).

Secondi: Potere al sapore delle materie prime! Chi conosce la Villa sa che i secondi, qui, sono messi in rima baciata con la brace. Lasciatevi dunque conquistare dalle grigliate di terra e di mare o dalle bistecche alla fiorentina, rese “nostrane” da un mix di erbe aromatiche locali come salvia, erba luisa, timo limone e maggiorana.

Chi ama la cottura a bassa temperatura,  può provare invece la delicatissima coppa di maialino laccata al miele con verza in agrodolce e salsa di birra ambrata (nella foto sotto)

Dolci: fra meringate, tiramisù al pistacchio e carpacci di ananas col gelato, incuriosisce il ciocco-ciocco-ciocco, una rivisitazione della Sacher con tre strati di cioccolato.




Birra e vini: il Primitivo di Manduria delle cantine Paololeo e il Negroamaro “N°Zero” delle Cantine Mehnirsalento guidano la lista dei vini rossi. Di grande interesse la selezione di vini locali, a partire dal Rossese “Rubino” de La Casetta, prodotto nell’imperiese. Fra i bianchi spiccano due gioielli dell’Azienda Pino Gino: la Bianchetta genovese e il Bianco del Genovesato Frizzante.

Fiore all’occhiello del settore beverage sono le birre artigianali “Kamun” di Predosa, aromatizzate alla radice di zenzero, al mango e papaya o alle nocciole tostate in forno a legna. Vero e proprio “cult” per gli appassionati è la Res Rosa, prodotta con fiori di karkadè in infusione, che vanta una tiratura di sole 500 bottiglie annue.

www.villadelledonne.it
Per prenotazioni: Tel. +39 0185.65.246

La Villa delle Donne si trova in Salita Sant’Agostino 46 a Rapallo

E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

La notizia è che, dopo 17 anni, ritorna il capodanno nella “piazzetta” più famosa d'Italia: a Portof[...]
Santa Magazine, ecco il numero 6

Santa Magazine, ecco il numero 6

56 pagine in carta patinata dove si parla di Santa Margherita Ligure e della Riviera, in italiano e [...]
I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

La tesi più accreditata li vuole ispirati dai mosaici greco-romani che i mercanti genovesi ammiravan[...]
Olio extra-vergine, un 2017 ad alta qualità

Olio extra-vergine, un 2017 ad alta qualità

Fragrante e fruttato, con un retrogusto di pinolo o di carciofo crudo. Ideale per insalate, bruschet[...]
10 km di Chiavari, via al countdown

10 km di Chiavari, via al countdown

Vi siete divertiti durante la Mezza Maratona di Chiavari di quest'estate? Se la risposta è sì, abbia[...]
Pesto, da "Santa" si alza una voce: “Toti convochi un tavolo di lavoro”.

Pesto, da "Santa" si alza una voce: “Toti convochi un tavolo di lavoro”.

“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pest[...]

santa magazine

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:




clum

verabanner