01
Qualche anno fa – correva il 2008 – uno sceicco avrebbe voluto riprodurla pari pari su un’isola artificiale situata al largo di Dubai, negli Emirati Arabi. Alla fine non se ne fece nulla. Ma qualcosa, di quell’idea, deve essere rimasto nell’etere, perché una Portofino dove non si mangeranno trenette al pesto e scampi alla Batti ora esiste per davvero. Una Portofino dove, per la precisione, si indosserà nientepopodimeno che il colbacco e si parlerà russo.




Il merito? E’ di un architetto italiano, Andrea Desimone, che ha ribattezzato Living Art Portofino il nuovo complesso di 30 edifici alle porte di Mosca che è andato ad aggiungersi ai cinque palazzi già realizzati dalla Krost Construction su disegno dell’architetto Dante Benini e dell’artista Mario Arlati. “Chi andrà a vivere in questo complesso immobiliare da oltre 40mila metri quadrati alle porte della capitale russa dovrà sentirsi sempre in vacanza”, aveva chiesto il committente Alexey Dobashin.

Non stupisce che la mente del progettista, originario del Monferrato, sia volata al piccolo borgo ligure. “Più che scimmiottare lo stile del posto – ha dichiarato De Simone ai media che hanno dato ampio spazio al fatto – abbiamo voluto riprodurre l’immagine di vacanza legata ad esso”. Il risultato? 30 edifici ognuno dei quali può vantare un colore e uno stile diversI.

Questo straordinario patchwork architettonico è stato realizzato grazie a un imponente lavoro sulla decorazione eseguito da Arte sui muri, società con sede a Genova che da oltre 20 anni si occupa di decorazioni pittoriche dagli effetti tridimensionali. Dalla liguria il team ha fatto rotta verso la Russia per dipingere le facciate del nuovo complesso con la tipica tecnica del trompe l’oeil, cimentandosi in quella che è forse l’opera d’arte più grande al mondo sotto forma di città: Living Art Portofino ospiterà infatti 10.000 persone a cui offrirà non solo alloggi compresi fra i 30 e i 50 metri quadri (dimensione tipica dello standard russo) ma anche negozi, uffici e asili.

Per il borgo ligure, simbolo ritrovato dell’italian lifestyle, si tratta di una nuova operazione di marketing a costo zero: dal concerto di Andrea Bocelli tenutosi nel 2013 alla superfesta di Dolce & Gabbana occorsa nel 2015, fino al prototipo della “boa intelligente” disegnata dalla piemontese Italvav Industrial Valves, in grado di trasformare il movimento ondoso in energia, sono ormai  numerosi i tasselli di un Rinascimento che ha aperto al borgo e al “brand” Portofino le porte di una… Dolce, seconda vita.

Ti è piaciuto l’articolo? Allora non perderti:

"Mi sembrò che una voce", a Chiavari l'anteprima nazionale dello spettacolo dedicato a Elena Bono

"Mi sembrò che una voce", a Chiavari l'anteprima nazionale dello spettacolo dedicato a Elena Bono

Per la città di Chiavari la riscoperta di una delle sue più illustri concittadine, Elena Bono, è div[...]
Festival della Parola 2018, svelate le prime novità

Festival della Parola 2018, svelate le prime novità

Dal 31 maggio al 3 giugno Chiavari si vestirà da città dell'antica Grecia trasformando le sue piazze[...]
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane al palo

DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane al palo

E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentar[...]
E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

La notizia è che, dopo 17 anni, ritorna il capodanno nella “piazzetta” più famosa d'Italia: a Portof[...]
Santa Magazine, ecco il numero 6

Santa Magazine, ecco il numero 6

56 pagine in carta patinata dove si parla di Santa Margherita Ligure e della Riviera, in italiano e [...]
I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

La tesi più accreditata li vuole ispirati dai mosaici greco-romani che i mercanti genovesi ammiravan[...]

santa magazine

Categorie

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:



 

clum

verabanner