pesto genovese patrimonio unescoChe momento per la nostra gastronomia! Dopo l’ottenimento dell’indicazione geografica protetta da parte della focaccia al formaggio di Recco, è di questi giorni la notizia che il Pesto Genovese – quello fatto col mortaio, sia chiaro – potrebbe diventare Patrimonio Culturale dell’Umanità. L’idea di presentare la candidatura all’Unesco porta la firma dell’Associazione Palatifini, che da anni organizza il Campionato Mondiale di Pesto, e ha ottenuto il sostegno decisivo di Regione Liguria, Comune e Camera di Commercio di Genova.

«Abbiamo avuto contatti col Ministero, che inoltrerà la domanda all’Unesco – spiega Roberto Panizza dell’associazione Palatifini – ci sarà bisogno dell’appoggio di tutti i liguri, si tratta proprio di una bella avventura».

Collegamento promozionale

Se a qualcuno una simile iniziativa può apparire esagerata, a favore dei richiedenti gioca il fatto che il pesto genovese al mortaio non è solo un cibo naturale di alta qualità e salubrità, ma anche la più importante e diffusa salsa verde di quella Dieta Mediterranea che patrimonio dell’ Unesco lo è già.

La procedura prevede la più vasta adesione possibile di enti pubblici territoriali e il massimo coinvolgimento delle comunità locali organizzate in istituti, gruppi o associazioni culturali.

In vista di Expo 2015 la Liguria gioca quindi una delle sue carte più alte, confidando sia in un ritorno mediatico per il proprio comparto agro-alimentare che in un circolo virtuoso di partecipazione sociale e culturale. Solo la notizia della candidatura ha scatenato l’interesse delle più importanti testate nazionali, segno che siamo davvero davanti a quella che Carla Sibilla, assessore al Turismo del Comune di Genova, ha definito “una vera e propria chiamata alle armi”.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora non perderti:

 
Pesto e condimenti veloci

"Portofino incontra autori" premia il Medico di Lampedusa

"Portofino incontra autori" premia il Medico di Lampedusa

Un piccolo “gotha” dell'editoria, con nomi di primo piano del panorama letterario italiano. Fra gli [...]
Noleggiare barche senza patente: quando la magia del mare diventa... Per tutti

Noleggiare barche senza patente: quando la magia del mare diventa... Per tutti

Chiudi gli occhi e immagina di essere in Riviera. Ma non in un posto qualunque. Immagina di essere[...]
Da Lauzi a Zibba, il Premio Bindi compie 13 anni

Da Lauzi a Zibba, il Premio Bindi compie 13 anni

E sono tredici! A tante sono giunte le edizioni del Premio Bindi, uno dei più prestigiosi concorsi e[...]
Tutto il romanticismo della Riviera: benvenuti al Ristorante Arenella

Tutto il romanticismo della Riviera: benvenuti al Ristorante Arenella

“Una favola!”. “Servizio attento, locale raffinato con un esterno strepitoso”. Ancora: “Tutto perfet[...]
E...State nel Parco dell'Aveto, ecco il programma degli eventi

E...State nel Parco dell'Aveto, ecco il programma degli eventi

Osservazione dei cieli e degli animali, marce podistiche e scoperte di piccoli laghetti di origine g[...]
"I Pinin", Liguria a Km 0

"I Pinin", Liguria a Km 0

L'entroterra del Tigullio offre da sempre uno spaccato di gastronomia tipica sul quale poco ci sareb[...]

santa magazine

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:




clum

verabanner