Monastra_00

Sabato 28 febbraio, a Chiavari, ha aperto i battenti una mostra fotografica (ospitata nei locali della Libreria Pane e Vino di Via Rivarola 53), che ha un merito encomiabile: restituire attualità alle parole di Pier Paolo Pasolini quando scelse il profilo della città di Orte come sua opera d’arte prediletta in occasione di una trasmissione del 1974.

“La città di Orte nella sua perfezione stilistica, cioè come forma perfetta, assoluta”. “Un’umile cosa” che “non si può nemmeno confrontare con certe opere d’arte. Eppure io penso che questa stradina da niente sia da difendere con lo stesso accanimento con cui si difende l’opera d’arte di un grande autore”. “Nessuno si rende conto che quello che va difeso è questo passato anonimo, questo passato senza nome, questo passato popolare”.

Parole che restituiscono, in modo perfetto e assoluto, anche il senso della mostra di cui vado dicendo, quella sui corrugati dell’Aveto  immortalati da Nino Monastra, fotografo che vive e lavora da più di quarant’anni fra Svezia e Italia.

Aveto, torrente inquieto, arido, riposato, scorre gentile a volte,/ crea conflitti turbolenti a valle, impietosi, corrugati al levante./ Con i fratelli forma un paesaggio altro, avvolge, umido nel mio ginocchio!/ Inquieto, irrisolto, affannosamente cerca il mare, affascina nel mio futuro Aprile. Nino Monastra

“Amo le composizioni spontanee”, dice Monastra spiegando la sua singolare passione per le lamiere che incorniciano i locali agricoli della val d’Aveto e che raccontano visivamente la montagna in tutta la sua durezza, asperità, irriducibilità ai tentativi edulcoranti dell’industria turistica. L’atmosfera di solitudine e nebbia in cui Monastra colloca questa “materia bellisima” porta in primo piano il linguaggio segreto del tempo, che attraverso la ruggine porge allo sguardo il suo codice immutabile.

A impreziosire l’esposizione la location: la sala posteriore della libreria Pane e Vino rilevata da Valentino Castello nel 2008. Una libreria indipendente che alle novità editoriali associa un folto numero di libri d’occasione e dove l’appassionato di storia locale e militare può trovare un catalogo di assoluto rispetto.

La mostra è visitabile sino al 30 marzo 2015, dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora ti consigliamo:

Si ringrazia per le foto Vera Cattoni Arte e Grafica

"Mi sembrò che una voce", a Chiavari l'anteprima nazionale dello spettacolo dedicato a Elena Bono

"Mi sembrò che una voce", a Chiavari l'anteprima nazionale dello spettacolo dedicato a Elena Bono

Per la città di Chiavari la riscoperta di una delle sue più illustri concittadine, Elena Bono, è div[...]
Festival della Parola 2018, svelate le prime novità

Festival della Parola 2018, svelate le prime novità

Dal 31 maggio al 3 giugno Chiavari si vestirà da città dell'antica Grecia trasformando le sue piazze[...]
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane al palo

DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane al palo

E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentar[...]
E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

La notizia è che, dopo 17 anni, ritorna il capodanno nella “piazzetta” più famosa d'Italia: a Portof[...]
Santa Magazine, ecco il numero 6

Santa Magazine, ecco il numero 6

56 pagine in carta patinata dove si parla di Santa Margherita Ligure e della Riviera, in italiano e [...]
I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

La tesi più accreditata li vuole ispirati dai mosaici greco-romani che i mercanti genovesi ammiravan[...]

santa magazine

Categorie

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:



 

clum

verabanner