Conosci bene il tuo territorio, sei un tipo socievole e ami incontrare nuovi amici che condividono i tuoi gusti e i tuoi interessi? Se la risposta è si, ho un’ottima notizia per te: da oggi puoi trasformare queste tue caratteristiche in una fonte di guadagno grazie a Guide Me Right, il portale che mette in contatto “guest” e “local friend”.

I primi sono viaggiatori, persone che visitano una nuova città e che vogliono esplorarla nei modi e nei tempi più consoni al proprio stile di vita. Pensaci bene: una città può essere molto di più del circuito turistico promosso dalle guide ufficiali. Può diventare un’esperienza su misura, ritagliata esattamente sui nostri gusti, interessi e preferenze. Basta trovare il “local friend” giusto, un uomo o una donna, giovane o meno giovane, che si renda disponibile a guidarci alla scoperta di una località nella sua versione più genuina.

Dopo i trasporti con Uber e Bla Bla Car e gli affitti con AirBnB, attraversata la frontiera degli home restaurant e del social eating, la sharing economy mette a segno un nuovo colpo trasformando in reddito il nostro tempo libero e le nostre conoscenze locali, invogliandoci a condividerli con altre persone così come si è soliti fare con un amico che viene a trovarci.

Il funzionamento è semplicissimo: dopo aver creato la nostra offerta locale rispondendo alla domanda “cosa proponiamo di fare ad un amico/a che viene a visitarci” – spaziando dal food & drink al social & sharing, dall’outdoor & adventure all’urban exploring & tours – per ogni singola attività dovremo indicare una serie di informazioni quali la durata stimata, i servizi aggiuntivi che possiamo mettere a disposizione e che aiutino il processo di selezione del nostro futuro Guest. Attraverso la Meeting Page di Guide Me Right potremo aiutare i guest a comporre la loro personale esperienza. Una volta definiti i dettagli ed effettuate prenotazione e relativo pagamento, prende il via l’esperienza. Salutato il nostro Guest e confermato che l’incontro è terminato tramite la App di Guide Me Right, condivideremo quindi la nostra personale valutazione del Guest con gli altri utenti (n.b: il Guest farà lo stesso con noi), e, nelle 48 ore successive, l’importo pagato dal Guest sarà accreditato sul nostro conto.

E veniamo al dunque: fino a quanto si può guadagnare? Dipende, secondo GMR. Il tariffario orario dei Local Friend viene infatti suggerito base al loro livello di qualità ed esperienza. Una filosofia corretta, a mio giudizio: prima è meglio prendere confidenza col ruolo, calarsi appieno nell’ avventura con entusiasmo, apertura e curiosità, iniziando a sperimentare in prima persona possibili attività da ripetere coi propri guest. Come in ogni attività per la quale si viene pagati, anche se in fase iniziale non si tratta ancora di un vero e proprio lavoro è necessario sviluppare competenze e professionalità, conquistandosi le stellette (leggasi recensioni positive) sul campo.

Hai intenzione di diventare un local friend? In bocca al lupo. Se invece pensi che questo articolo possa interessare ad altri amici in cerca di opportunità che gli permettano di arrotondare divertendosi, condividilo su Facebook e sugli altri social network. Sharing is caring.

Visita il sito Guide Me Right

"Mi sembrò che una voce", a Chiavari l'anteprima nazionale dello spettacolo dedicato a Elena Bono

"Mi sembrò che una voce", a Chiavari l'anteprima nazionale dello spettacolo dedicato a Elena Bono

Per la città di Chiavari la riscoperta di una delle sue più illustri concittadine, Elena Bono, è div[...]
Festival della Parola 2018, svelate le prime novità

Festival della Parola 2018, svelate le prime novità

Dal 31 maggio al 3 giugno Chiavari si vestirà da città dell'antica Grecia trasformando le sue piazze[...]
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane al palo

DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane al palo

E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentar[...]
E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

E' qui la festa: il Tigullio che brinda al 2018

La notizia è che, dopo 17 anni, ritorna il capodanno nella “piazzetta” più famosa d'Italia: a Portof[...]
Santa Magazine, ecco il numero 6

Santa Magazine, ecco il numero 6

56 pagine in carta patinata dove si parla di Santa Margherita Ligure e della Riviera, in italiano e [...]
I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

I "risseu" del Tigullio visti dal cielo

La tesi più accreditata li vuole ispirati dai mosaici greco-romani che i mercanti genovesi ammiravan[...]

santa magazine

Categorie

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:



 

clum

verabanner