E’ il Tigullio a tenere alto il vessillo della città metropolitana di Genova sull’Agenda dei 365, dal 1985 “la Bibbia Laica del buongustaio” (fin nell’aspetto un pò austero e ieratico), oggi tirata in oltre 20 mila copie.

“Ristoranti per tutti i gusti e da ogni cantone dell’Italia gaudente, segnalati esclusivamente da valutazioni di merito, anche grazie agli attenti suggerimenti dei più affezionati lettori ed alle successive visite dei nostri qualificati collaboratori”, recita il sito web dell’agenda che anche nel 2015 ha incoronato due locali molto diversi fra loro –  a testimonianza del fascino di un comprensorio ad altissima biodiversità – ma accomunati da una reputazione indiscutibile: la Brinca di Né e lo Strainer di Portofino.

La Brinca

Prebugiun di Né,  torta baciocca a base di patate, gnocchetti di castagna al pesto di mortaio e patate quarantine, cima di faraona ripiena alle erbe al forno, biancomangiare. Basta scorrere rapidamente le sue specialità per rendersi conto di essere ben oltre la consueta trattoria dell’entroterra: la Brinca è piuttosto un tempio della tradizione culinaria della Val Graveglia e delle valli del Tigullio, un locale che coltiva la tradizione con precisione filologica e rispetto della stagionalità; e che, a una qualità senza ombre, unsce un’enoteca con oltre 1000 etichette di vini e 400 referenze di distillati. Chapeaux. P.S: se volete testarlo, la prenotazione è indispensabile.

Lo Strainer

strainer

Per molti la collocazione dello Strainer è quella più incantevole: fuori dalla rotta della mondanissima Piazzetta ma con vista aperta sugli yacht più belli, in un angolo di  pace e intimità. Anche per questo lo storico ristorante con piano bar aveva saputo diventare uno dei locali più apprezzati di Portofino, prima di cedere cogli anni un pò di quello smalto e di quel brio che lo avevano reso fra i più amati degli anni d’oro. Il declino termina nel 2006, quando la nuova gestione inaugurata dallo chef Gerardo di Gregorio riporta lo Strainer a livelli da prima pagina: cruditè, aragoste, zuppe di pesce, tagliolini con tartufo di Norcia, Cavatelli ai gamberi e porcini sono le proposte più stimolanti per serate da mille e una notte, impreziosite da musica dal vivo e da una professionalità cristallina.

Ti è piaciuto questo articolo? Ti consigliamo:

10 km di Chiavari, via al countdown

10 km di Chiavari, via al countdown

Vi siete divertiti durante la Mezza Maratona di Chiavari di quest'estate? Se la risposta è sì, abbia[...]
Rapallo, grand tour di sapori in un solo menù

Rapallo, grand tour di sapori in un solo menù

Un grand tour gastronomico, un viaggio alla scoperta di alcune gemme della cucina italiana che muove[...]
Pesto, da "Santa" si alza una voce: “Toti convochi un tavolo di lavoro”.

Pesto, da "Santa" si alza una voce: “Toti convochi un tavolo di lavoro”.

“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pest[...]
Cinque Terre DOC, quando il vino è sinonimo di eroismo

Cinque Terre DOC, quando il vino è sinonimo di eroismo

E’ il fiore all’occhiello delle Cinque Terre, dove la millenaria cultura della vite è stato uno degl[...]
Pesto, con un testimonial così la popolarità spicca il volo

Pesto, con un testimonial così la popolarità spicca il volo

Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d'a[...]
Così non li avete mai visti: i fuochi di Recco ammirati dal mare

Così non li avete mai visti: i fuochi di Recco ammirati dal mare

Ci siamo! E’ scattato il countdown che ci porterà, in tempo zero, al 7 e 8 settembre, quando Recco o[...]

santa magazine

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail:




clum

verabanner